Home » Attualità, eventi, inviti

Attualità, eventi, inviti

Donazione spirometro al Reparto di Pediatria - 04/12/18


 Il 4 dicembre, all'ospedale Uboldo , è stata effettuata una donazione di apparecchiature al Reparto di Pediatria. Il donatore è una famiglia di Bergamo che segue le pediatrie con aiuti e donazioni e vuol restare anonima.
 
Lo spirometro, l'apparecchiatura che è stata acquistata dal Centro Studi e Ricerche Dott. Gianni Mori - onlus, per agevolare la disponibilità al reparto di Pediatria, serve a valutare lo stato dei polmoni, dei bronchi etc. Nel nostro caso è un impianto dedicato ai bambini ed ai loro problemi (allergie, malattie, prevenzione in generale ).
 
Alla consegna era presente il commissario  ASST di Melegnano Tommaso Russo, il direttore medico del presidio  Ruggero Rocchi, il direttore sanitario aziendale Vito Corrao, il direttore del dipartimento materno infantile Paola Bruni, il primario del reparto di pediatria Giovanni Traina, il sindaco di Cernusco Ermanno Zacchetti con l'assessore all'innovazione Luciana Gomez, Il Comandante della Stazione Carabinieri di Cernusco, Lgt. Pier Giuseppe Palmeri,  il donatore e alcuni membri del Centro Studi e Ricerche Dott. Gianni Mori - onlus con il presidente ing. Aldo Galbiati che ha commentato l'evento, sottolineando la collaborazione e le sinergie che hanno reso possibile questo risultato. Conclusione dell'intervento,riportato in testa alla presente pagina, al seguente link:
 
 
Con l'occasione è stato pubblicato un articolo, sotto riportato,  nel sito Cernuscoinsieme, al seguente indirizzo:
 
http://www.cernuscoinsieme.it/2018125211613.html 
 
 

 

 

 

 

In Citta´

 

OSPEDALE UBOLDO, UN NUOVO LABORATORIO NEL REPARTO PEDIATRIA

 

L’Ospedale cittadino si è dotato di un nuovo Laboratorio di Funzionalità Respiratoria Pediatrica e cura dell’asma bronchiale e delle malattie respiratorie per pazienti pediatrici.

 


Ospedale Uboldo

Il nuovo laboratorio è stato realizzato grazie alla dotazione di macchinari di ultima generazione che sono stati donati dal Centro Gianni Mori Onlus e da un’azienda cernuschese. Alla sua presentazione - martedì 4 dicembre - sono intervenuti il Sindaco Ermanno Zacchetti e l’assessore ai Servizi al Cittadino Luciana Gomez in rappresentanza di tutta la Giunta e del Consiglio comunale: hanno portato i loro saluti e i loro ringraziamenti allo staff di medici e dirigenti dell’Ospedale Uboldo intervenuti per l’occasione. La dotazione di macchinari sempre più all’avanguardia e tecnologicamente avanzati ha l’obiettivo non solo di curare nell’emergenza, ma anche di portare i piccoli pazienti e i loro genitori a non doversi spostare per ogni esame o controllo.

“Spesso l’innovazione di dotazioni strumentali viene associata all’immagine dei grandi presidi ospedalieri metropolitani – ha detto il Commissario dell’ASST Melegnano - Martesana Tommaso Russo - ma non è sempre così: anche i presidi territoriali hanno potenzialità e reparti che godono di eccellenza non solo nei macchinari ma anche e soprattutto di medici e operatori. L’ospedale ‘Uboldo’ di Cernusco ne è un esempio e il laboratorio di funzionalità respiratoria pediatrica ne è la dimostrazione tangibile: i presidi territoriali possono fare bene, ancor di più se privati del territorio e associazioni se ne prendono cura e investono in donazioni, ritorno per tutta la comunità”.

 

 

“Ringraziamo a nome di tutta l’amministrazione e di tutta la comunità chi ha voluto fare questa donazione per dotare il nostro ospedale di macchinari all’avanguardia rivolti ai piccoli pazienti - ha detto il Sindaco Ermanno Zacchetti -. La nostra città ha un particolare legame di affetto verso l’ospedale ‘Uboldo’ e siamo contenti che sia la Direzione che i privati cittadini o associazioni lo riconoscano continuando ad alimentare questo legame per renderlo sempre più forte”.

Alla presentazione del laboratorio sono intervenuti anche il Direttore Medico del presidio Ruggero Rocchi, il Direttore Sanitario Aziendale Vito Corrao, il Direttore del Dipartimento Materno Infantile dott.ssa Paola Bruni, il Primario del reparto di Pediatria Giovanni Traina e il presidente del Centro Gianni Mori Onlus Aldo Galbiati.

 

Cernusco sul Naviglio, 5 dicembre 2018

==================================================================================

Anche Il Giorno del 12/12/18 e La Gazzetta della Martesana dell'8 dicembre hanno dedicato un articolo, qui sotto allegato, all'inaugurazione del nuovo  laboratorio di funzionalità respiratoria pediatrica realizzato con la donazione  del Centro Studi e Ricerche Dott. Gianni Mori - onlus.   

 

Convegno 26-29/09/2016

Convegno 26-29/09/2016 - CGM

 

Riceviamo e pubblichiamo le slide della presentazione che è stata fatta in data 29/09/16 al convegno dei cardiologi provenienti da tutta Italia da parte del Dott. Pietro Barbieri.

Questo elaborato illustra i primi risultati della ricerca oncologica cardiologica realizzata con il sostegno ed il finanziamento del Centro Studi e Ricerche Mediche Dott. Gianni Mori - onlus.

Ad illustrare la rilevanza degli approfondimenti della materia è stato pubblicato un comunicato stampa di cui pure riportiamo il testo.

 

 

 

Comunicato stampa - 29/09/2016

Comunicato stampa - 29/09/2016 - CGM

 

 

Medicina: studio made in Lombardia svela le “relazioni pericolose” cuore-cancro

 

"Un'associazione a delinquere": questa la 'relazione pericolosa' fra malattie del cuore e cancro

 

A cura di Filomena Fotia 

 

26 settembre 2016 - 17:36

 

                    

 

 

Un’associazione a delinquere“. Maria Frigerio, direttore del ‘De Gasperis Cardiocenter’ dell’ospedale Niguarda di Milano, usa questa formula per rendere l’idea delle ‘relazioni pericolose‘ fra malattie del cuore e cancro. Un tema sempre più emergente su cui un team di specialisti lombardi ha deciso di indagare e che sarà spunto di riflessione per gli oltre 1.200 medici del cuore riuniti in questi giorni (da oggi a giovedì 29 settembre) a Milano per lo storico Convegno di cardiologia del Centro De Gasperis, quest’anno al traguardo dei 50 anni. I dati preliminari che arrivano da un progetto di collaborazione fra oncologi e cardiologi, messo in piedi da Asst Grande ospedale metropolitano Niguarda e Asst di Melegnano e Martesana, mostrano le dimensioni del problema e le interazioni tra malattie del cuore, tumore, e terapie anticancro. Da un lato, spiegano gli esperti, va considerato che l’avanzare dell’età aumenta la probabilità di soffrire sia di malattie cardiovascolari sia di malattie neoplastiche e la presenza di cardiopatia può limitare l’impiego di trattamenti antitumorali di prima scelta. Dall’altro lato ci sono i farmaci anticancro che possono danneggiare anche un cuore sano, attraverso meccanismi diversi se si tratta di chemioterapici classici o dei nuovi farmaci ‘biologici’. Per saperne di più, sottolinea Frigerio, i camici bianchi delle due strutture hanno studiato in primo luogo i ricoveri ospedalieri successivi all’avvio della terapia in “oltre 111.800 pazienti trattati con farmaci oncologici in Lombardia tra il 2010 e il 2015“, con particolare attenzione ai ricoveri associati a eventi cardiovascolari maggiori (infarto, aritmie, scompenso di circolo, ictus, embolia polmonare). Dai dati raccolti è emerso che il tasso d’incidenza di eventi cardiovascolari vede un picco in concomitanza dell’avvio del trattamento oncologico (15 casi per mille), per poi andare incontro negli anni successivi a una riduzione sensibile che però non riporta ai valori pre-terapia (10 casi per mille contro 6). Ma quello che hanno osservato gli esperti è che l’incidenza inizia ad aumentare già prima dell’avvio delle cure, come se – ipotizzano – la stessa condizione neoplastica possa influire negativamente sull’equilibrio del sistema cardiovascolare. Questo, riflette Frigerio, “potrebbe voler dire che il tumore si porta dietro mediatori di danno cardiaco in misura maggiore rispetto a quanto pensassimo“. Secondo lo studio ‘made in Lombardia’, inoltre, non tutti gli eventi cardiovascolari mostrano lo stesso andamento in rapporto alla terapia oncologica: se la cardiopatia ischemica aumenta dal 9,6 al 10 per mille, l’incidenza di scompenso cardiaco ed embolia polmonare raddoppia (rispettivamente da 13,6 a 27 casi per mille e da 9,4 a 21 casi per mille). Andando a guardare nel dettaglio i farmaci, gli specialisti si sono imbattuti in alcuni risultati almeno parzialmente inattesi. Nei pazienti trattati con chemioterapici di uso routinario, come le antracicline usate nel tumore al seno e nei linfomi, il tasso di eventi cardiaci mostra un picco con l’avvio della terapia (14 casi per mille), ma poi scende rapidamente a valori di ‘safety’ entro i primi mesi, per poi mantenere un tasso costante nel tempo. Questo suggerisce, riflettono, che i programmi di monitoraggio e cura messi in campo negli ultimi 10 anni per la prevenzione della tossicità cardiaca tardiva, tipica di questi farmaci, “sono probabilmente efficaci“. Ma ad attirare l’attenzione degli esperti è stato un altro dato: il tasso di incidenza di eventi cardiovascolari maggiori a carico dei nuovi farmaci biologici a bersaglio molecolare. Erano, spiegano, decisamente maggiori rispetto ai dati riportati in letteratura e con un’incidenza progressivamente ingravescente nel tempo (picco a 42, 57 casi per mille a 3 anni). Risultati, precisano gli autori dello studio, in realtà solo in parte inattesi. Queste classi di farmaci hanno infatti permesso un “drastico miglioramento della sopravvivenza globale del paziente oncologico che diventa pertanto maggiormente esposto all’azione dei fattori di rischio cardiovascolare e quindi alla conseguente possibilità di sviluppare eventi maggiori“. Si tratta comunque di dati che, puntualizza Frigerio, “meritano un approfondimento“. Le successive analisi saranno ora finalizzate a verificare il peso dei diversi fattori di rischio in questi eventi per pianificare un corretto iter diagnostico-terapeutico (alla stregua di quanto fatto per le antracicline).

 


Per approfondire:

http://www.meteoweb.eu/2016/09/medicina-studio-made-in-lombardia-svela-le-relazioni-pericolose-cuore-cancro/753159/#ckEirHH3eocD5D7d.99

 

===================================================================================================== 

 

Gelso d'Oro 2015

 

Il Centro Studi e Ricerche Mediche Dr. Gianni Mori (onlus) ha ricevuto l'onorificenza civica Gelso d’Oro 2015 – Premio Città di Cernusco sul Naviglio. Il riconoscimento è stato consegnato dal Sindaco Eugenio Comincini al presidente della nostra associazione, l'Ing. Aldo Galbiati, con una cerimonia ufficiale tenutasi il 19 marzo alle ore 21 all'Auditorium Casa delle Arti in occasione dell'apertura della Festa di San Giuseppe 2015.

 

Con il “Gelso d’Oro” sono premiati i cittadini e le organizzazioni cernuschesi che hanno conferito lustro e importanza alla città grazie alla loro opera nei diversi campi dell’arte, dell’economia, della cultura, della solidarietà o dello sport.

 

Le segnalazioni per l’assegnazione del riconoscimento civico sono state sollecitate dall’invito del Sindaco Eugenio Comincini, che ha ricordato il valore morale dell’onorificenza con un suo significativo messaggio:

“Invito i cernuschesi a segnalare chi, secondo loro, merita questo riconoscimento. Il Gelso d’Oro, è assegnato a chi diventa un esempio positivo per gli altri”.

 

Con il Gelso d’Oro, l’onorificenza creata nel 2008 dall’Amministrazione Comunale di Cernusco sul Naviglio, sono premiati i cittadini e le organizzazioni cernuschesi che – a giudizio di una commissione consiliare presieduta dal Sindaco e su proposte che arrivano anche dalla cittadinanza – hanno conferito lustro e importanza alla città, grazie alla loro opera nei diversi campi dell’arte, dell’economia, della cultura, della solidarietà o dello sport. Per la benemerenza, Villa Greppi ha scelto il simbolo del gelso, a indicare l’operosità e la tradizione produttiva cernuschese legata alla seta.

 

 

 

Ne aveva preannunciato l'evento il giornale Fuori dal comune al seguente indirizzo:

 

http://www.fuoridalcomune.it/2015/03/01/cernusco-ecco-i-quattro-gelsi-d-oro-2015-consegnati-il-prossimo-19-marzo/

 

La notizia dell'assegnazione del riconoscimento è stata pubblicato dal comune di Cernusco al seguente indirizzo:

http://www.comune.cernuscosulnaviglio.mi.it/comunicazione/news-comunicazioni/comunicati-stampa/Gelso-dOro-ecco-chi-ha-vinto-le-onorificenze-civiche-2015/

 

Per notizie pubblicate in seguito, si veda l'allegato, con gli articoli pubblicati da Voce Amica n. 4 dell'Aprile2015 e La Gazzetta della Martesana del 21/03/2015, qui sotto riportate.

 

 

 

Gelso d'oro 2015 Gelso d'oro 2015 [2.116 Kb]

15/02/2014 Cardiologie aperte - Settimana per il tuo cuore

Come consuetudine degli scorsi anni, nel mese di febbraio, i Cardiologi dell’ANMCO (Associazione Nazionale Cardiologi Ospedalieri), hanno dato la propria generosa adesione alla Campagna “Cardiologie Aperte” e alle manifestazioni della “Settimana per il Tuo Cuore”, su tutto il territorio nazionale, avviando contestualmente una Campagna di Sensibilizzazione alle Patologie Cardiovascolari.
 

La Riabilitazione Cardiologica della O.N.L.U.S. Fondazione Europea di Ricerca Biomedica (F.E.R.B.), che opera all’ interno dell’ Ospedale Uboldo di Cernusco, in un rapporto di collaborazione Pubblico-Privato, ha partecipato a questa manifestazione invitando i Cittadini ad un incontro, nel corso del quale sono state proiettate molte diapositive sui temi sopra indicati, alcune delle quali sono state fotografate per dare un'idea del dettaglio e dell'ampiezza del tema tratto e visibili al seguente indirizzo:

 

http://cgm.sitonline.it/1/ospedale_uboldo_cernusco_1516598.html

 

Il dettaglio è disponibile nell'allegato accessibile cliccando in fondo alla trattazione di questo evento con il titolo "Cuore informato, cuore salvato".

 

Il tema ha toccato aspetti di interesse sportivo, di interesse per cardiopatici, per chi ha avuto interventi cardiocircolatori, ma anche aspetti della vita quotidiana di qualunque individuo, per dare indicazioni sulla mobilità da mantenere per la cura del fisico, sulla scelta dei cibi, e sullo stile di vita in generale per limitare i fattori di rischio e per migliorare la qualità della vita.  

 

Malgrado gli approfondimenti e la vastità dell'argomento,  è stato possibile qualche intervento su problemi specifici dei presenti, non certo per curare i pazienti ma adatti a comprender meglio apparenti contraddizioni o difficili da comprendere.

  

La manifestazione è stata promossa dal Dr. Enrico Maria Greco, già Primario del Reparto di Cardiologia dell'Ospedale Uboldo ed ora Responsabile Riabilitazione Cardiologica F.E.R.B., Ospedale Uboldo di Cernusco s/N. e si è svolta presso l'Ospedale Uboldo, il mattino del 15 Febbraio 2014. 

 

Anche su Radio Cernusco, il giorno 8 Febbraio, alle ore 10.15 è intervenuto il  Dr. Enrico Maria Greco per anticipare l'evento e dare un quadro della situazione relativa alle patologie cardiovascolari.

 

 "Cuore informato, cuore salvato" qui sotto allegato.

 

CGM

Azienda Ospedaliera Melegnano

CGM

US for YOU

CGM

AICH Milano